Provérbios

1. I PROVERBI di Salomone, figliuolo di Davide, Re d’Israele;

2. Per conoscere sapienza ed ammaestramento, Per intendere i detti di senno;

3. Per ricevere ammaestramento di buon senno, Di giustizia, di giudicio e di dirittura;

4. Per dare avvedimento a’ semplici. E conoscenza, ed accorgimento a’ fanciulli.

5. Il savio li udirà, e ne accrescerà la sua scienza; E l’uomo intendente ne acquisterà buoni consigli, e governo;

6. Per comprender le sentenze ed i bei motti, Le parole de’ savi ed i lor detti oscuri.

7. IL timor del Signore è il capo della scienza; Ma gli stolti sprezzano la sapienza e l’ammaestramento.

8. Ascolta, figliuol mio l’ammaestramento di tuo padre; E non lasciar l’insegnamento di tua madre;

9. Perciocchè saranno un fregio grazioso al tuo capo, E collane al tuo collo.

10. Figliuol mio, se i peccatori ti vogliono sedurre, Non acconsentir loro.

11. Se dicono: Vieni con noi, poniamo agguati al sangue, Insidiamo di nascosto l’innocente impunitamente;

12. Tranghiottiamoli tutti vivi, come il sepolcro; E tutti intieri, a guisa di quelli che scendono nella fossa;

13. Noi troveremo ogni sorte di preziosi beni, Noi empieremo le nostre case di spoglie;

14. Tu trarrai la tua sorte con noi; Fra noi non vi sarà che una sola borsa;

15. Figliuol mio, non inviarti con loro; Rattieni il tuo piè dal lor sentiero.

16. Perciocchè i lor piedi corrono al male, E si affrettano a spandere il sangue.

17. Perciocchè invano si tende la rete Dinanzi agli occhi d’ogni uccello;

18. Ma essi pongono agguati al lor proprio sangue, Ed insidiano nascosamente l’anima loro.

19. Tali sono i sentieri d’ogni uomo dato all’avarizia; Ella coglie l’anima di coloro in cui ella si trova.

20. LA somma Sapienza grida di fuori; Ella fa sentir la sua voce per le piazze;

21. Ella grida in capo de’ luoghi delle turbe; Ella pronunzia i suoi ragionamenti nell’entrate delle porte, nella città,

22. Dicendo: Infino a quando, o scempi, amerete la scempietà? Ed infino a quando gli schernitori prenderanno piacere in ischernire, Ed i pazzi avranno in odio la scienza?

23. Convertitevi alla mia riprensione; Ecco, io vi sgorgherò lo spirito mio; Io vi farò assapere le mie parole.

24. Perciocchè io ho gridato, e voi avete ricusato di ascoltare; Io ho distesa la mano, e niuno ha porto attenzione;

25. Ed avete lasciato ogni mio consiglio, E non avete gradita la mia correzione;

26. Io altresì riderò della vostra calamità; Io mi farò beffe, quando il vostro spavento sarà venuto;

27. Quando il vostro spavento sarà venuto, a guisa di ruina, E la vostra calamità sarà giunta, a guisa di turbo; Quando angoscia e distretta vi sarà sopraggiunta.

28. Allora essi grideranno a me, ma io non risponderò; Mi ricercheranno sollecitamente, ma non mi troveranno;

29. Perciocchè hanno odiata la scienza, E non hanno eletto il timor del Signore;

30. E non hanno gradito il mio consiglio, Ed hanno disdegnata ogni mia correzione.

31. Perciò mangeranno del frutto delle lor vie, E saranno saziati de’ lor consigli.

32. Perciocchè lo sviamento degli scempi li uccide, E l’error degli stolti li fa perire.

33. Ma chi mi ascolta abiterà in sicurtà, E viverà in riposo, fuor di spavento di male.

Você está lendo Provérbios na edição DIODATI, Giovanni Diodati, em Italiano.
Este lívro compôe o Antigo Testamento, tem 31 capítulos, e 915 versículos.