1. Ora dunque, Giobbe, ascolta, ti prego, i miei ragionamenti, E porgi gli orecchi a tutte le mie parole.

2. Ecco, ora io ho aperta la mia bocca, La mia lingua parla nel mio palato.

3. Le mie parole saranno secondo la dirittura del mio cuore; E le mie labbra proferiranno scienza pura.

4. Lo Spirito di Dio mi ha fatto, E l’alito dell’Onnipotente mi ha data la vita.

5. Se tu puoi, rispondimi; Mettiti in ordine contro a me, e presentati pure.

6. Ecco, io sono a Dio, come tu; Anch’io sono stato tratto dal fango.

7. Ecco, il mio spavento non ti sgomenterà, E la mia mano non ti sarà grave addosso.

8. Tu hai pur detto, udendolo io, Ed io ho intesa la voce delle parole:

9. Io son puro, senza misfatto; Io son netto, e non vi è iniquità in me;

10. Ecco, egli trova delle occasioni contro a me; Egli mi reputa per suo nemico;

11. Egli ha messi i miei piedi ne’ ceppi, Egli spia tutti i miei sentieri.

12. Ecco, in questo tu non sei stato giusto; io ti risponderò; Perciocchè Iddio è vie maggiore che l’uomo.

13. Perchè hai tu conteso con lui, Perchè egli non dichiara tutte le sue ragioni?

14. Egli è ben vero, che talora Iddio parla una volta, E due, a chi non vi ha atteso.

15. In sogno, in vision notturna, Quando il più profondo sonno cade in su gli uomini, Quando essi son tutti sonnacchiosi sopra i lor letti;

16. Allora egli apre loro l’orecchio, E suggella il lor castigo;

17. Per istorre l’uomo dalle opere sue, E per far che la superbia dell’uomo non apparisca più;

18. Per iscampar l’anima sua dalla fossa, E far che la sua vita non passi per la spada.

19. Ma talora altresì l’uomo è castigato con dolori sopra il suo letto, E tutte le sue ossa di grave malattia;

20. E la sua vita gli fa abbominare il cibo, E l’anima sua la vivanda desiderabile;

21. La sua carne è consumata, talchè non apparisce più; E le sue ossa, che prima non si vedevano, spuntano fuori;

22. E l’anima sua si accosta alla fossa, E la vita sua a’ mali mortali.

23. Ma se allora vi è appresso di lui alcun messo, un parlatore, Uno d’infra mille, Per dichiarare all’uomo il suo dovere;

24. Iddio gli farà grazia, e dirà: Riscuotilo, che non iscenda alla fossa; Io ho trovato il riscatto.

25. La sua carne diventerà morbida, più che non è in fanciullezza; Egli ritornerà a’ dì della sua giovanezza.

26. Egli supplicherà a Dio, ed egli gli sarà placato, E gli farà veder la sua faccia con giubilo, E renderà all’uomo la sua giustizia.

27. Ed esso poi si volgerà verso gli uomini, e dirà: Io avea peccato, ed avea pervertita la dirittura, E ciò non mi ha punto giovato.

28. Così Iddio riscoterà l’anima sua, che non passi nella fossa, E la vita sua vedrà la luce.

29. Ecco, Iddio opera tutte queste cose Due e tre volte inverso l’uomo;

30. Per ritrarre l’anima sua dalla fossa, Acciocchè sia illuminata della luce de’ viventi.

31. Attendi, o Giobbe, ascoltami; Taci, ed io parlerò.

32. Se tu hai alcuna cosa da dire, rispondimi; Parla, perciocchè io desidero giustificarti.

33. Se no, ascoltami tu; Taci, ed io t’insegnerò la sapienza.

Você está lendo na edição DIODATI, Giovanni Diodati, em Italiano.
Este lívro compôe o Antigo Testamento, tem 42 capítulos, e 1070 versículos.