Connect with us

Bíblia LND-1991

Deuteronômio 10

1 »In quel tempo, l’Eterno mi disse: »Tagliati due tavole di pietra simili alle prime e sali da me sul monte; fatti anche un’arca di legno.

2 Io scriverò sulle tavole le parole che erano sulle prime tavole che tu spezzasti, e tu le metterai nell’arca".

3 Così feci un’arca di legno d’acacia e tagliai due tavole di pietra simili alle prime; poi salii sul monte con le due tavole in mano.

4 E l’Eterno scrisse sulle tavole ciò che aveva scritto la prima volta, cioè i dieci comandamenti che l’Eterno aveva proclamato per voi sul monte, di mezzo al fuoco, il giorno dell’assemblea. Quindi l’Eterno me le consegnò.

5 Allora mi voltai e discesi dal monte; misi le tavole nell’arca che avevo fatto; e là esse rimangono, come l’Eterno mi aveva ordinato.

6 (Ora i figli d’Israele partirono dai pozzi dei figli di Jakaan per Moserah. Là Aaronne mori e là fu sepolto; ed Eleazar, suo figlio, divenne sacerdote al suo posto.

7 Di là partirono alla volta di Gudgo-dah e da Gudgo-dah alla volta di Jotbathah, paese di corsi d’acqua.

8 In quel tempo l’Eterno separò la tribú di Levi per portare l’arca del patto dell’Eterno, per stare davanti all’Eterno e servirlo, e per benedire nel suo nome fino al giorno d’oggi.

9 Perciò Levi non ha parte né eredità con i suoi fratelli; l’Eterno è la sua eredità, come l’Eterno, il tuo DIO, gli aveva promesso.).

10 Io rimasi sul monte, come la prima volta, quaranta giorni e quaranta notti; l’Eterno mi ascoltò anche questa volta, e l’Eterno acconsentì a non distruggerti.

11 Allora l’Eterno mi disse: »Levati, mettiti in cammino alla testa del popolo, perché essi entrino ad occupare il paese che giurai ai loro padri di dar loro«.

12 E ora, o Israele, che cosa richiede da te l’Eterno, il tuo DIO, se non di temere l’Eterno, il tuo DIO, di camminare in tutte le sue vie, di amarlo e di servire l’Eterno, il tuo DIO, con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima,

13 e di osservare per il tuo bene i comandamenti dell’Eterno e i suoi statuti che oggi ti comando?

14 Ecco, all’Eterno, il tuo DIO, appartengono cieli, i cieli dei cieli, la terra e tutto quanto essa contiene;

15 ma l’Eterno pose il suo diletto unicamente nei tuoi padri e li amò; e dopo di loro fra tutti i popoli scelse la loro discendenza, cioè voi, com’è oggi.

16 Circonciderete perciò il prepuzio del vostro cuore e non indurite piú il vostro collo;

17 poiché l’Eterno, il vostro DIO è il DIO degli dèi, il Signor dei signori, il Dio grande, forte e tremendo, che non usa alcuna parzialità e non accetta regali,

18 che fa giustizia all’orfano e alla vedova, che ama lo straniero dandogli pane e vestito.

19 Amate dunque lo straniero, perché anche voi foste stranieri nel paese d’Egitto.

20 Temerai l’Eterno, il tuo DIO, a lui servirai, rimarrai stretto a lui e giurerai nel suo nome.

21 Egli è la tua lode, egli è il tuo DIO, che ha fatto per te queste cose grandi e tremende che i tuoi occhi hanno visto.

22 I tuoi padri scesero in Egitto in numero di settanta persone; e ora l’Eterno, il tuo DIO, ti ha reso numeroso come le stelle del cielo.

Continuar Lendo